HEIMAT – SHARING THE LAND, 2019. Musma Museo della Scultura Contemporanea Matera

a cura di Tommaso Evangelista. Dal 12 ottobre 2019 al 3 maggio 2020

HEIMAT di Jasmine Pignatelli è un’opera ad alta intensità poetica che tocca la sfera individuale, collettiva e critica.
Su invito dell’artista, tredici manciate di terra sono state raccolte in tredici luoghi simbolo della recente storia d’Italia da altrettanti, emblematici, interlocutori. Sono piccoli cumuli di terra che si mescolano e che appartengono a luoghi della memoria, portatori di immagini e storie che hanno contribuito a creare una identità e una coscienza collettiva italiane. Nel cuore del Museo di Matera si mescolano, tra le altre, le terre del pozzo di Alfredino, della scuola di Barbiana, di Riace e Lampedusa, del quartiere Tamburi di Taranto, la terra su cui sorge l’albero dedicato a Giovanni Falcone e di un luogo d’arte come Morterone.
Uno “sharing the land” collettivo e condiviso in cui si celebra l’appartenenza a una ideale HEIMAT, complessa parola tedesca traducibile come “PATRIA” e dalla forte componente emozionale, emotiva e sentimentale.

HEIMAT è anche un’OPERA VIDEO generata dal contributo di tutte le performances delle parti invitate che ritraggono l’azione della raccolta della terra, del “rito” della condivisione, dell’atto del donare. Volti e voci, luoghi e azioni, nel procedere del video, finiscono per sovrapporsi fino quasi a creare un unico volto, un unico suono, un’unica terra.

Le terre di HEIMAT provengono da:

Pisa: Ego-Virgo The European Gravitational Observatory | Ostia Idroscalo: Luogo dell’omicidio di Pier Paolo Pasolini  | Barbiana Vicchio di Mugello: Scuola di Don Lorenzo Milani | Vermicino: Il pozzo di Alfredino Rampi | Lampedusa: Hotspot, centro di accoglienza | Riace: Piazzetta “Donna Rosa” | Morterone: Museo di Arte Contemporanea all’aperto | Cereseto: Tempio Renkoji  | Montecchio Maggiore: Orto di nonna Zita coautrice con Alice Zannoni di un libro d’arte contemporanea | Castelnuovo al Volturno: Cippo funerario dello scrittore Giaime Pintor | Taranto: Quartiere Tamburi adiacente l’ex Ilva | Palermo: L’albero di Giovanni Falcone | Matera: Belvedere di Murgia Timone

HEIMAT | Sharing the land, 2019 
di JASMINE PIGNATELLI
13 terre, una sola PATRIA.

MUSMA
MUSEO DELLA SCULTURA CONTEMPORANEA DI MATERA
a cura di Tommaso Evangelista

Il TEASER raccoglie immagini della mostra e parte dell’opera video presente in mostra a Matera

Alla realizzazione di Heimat hanno contribuito gli studenti della V F del Liceo Classico “Giuseppe Tarantino” di Gravina in Puglia (BA). Gli allievi sono stati impegnati al MUSMA, per tre anni, in un progetto di Alternanza scuola – lavoro, guidati dai tutor scolastici prof. Tommaso Evangelista, prof.ssa Rosa Maria Spartà e dalla referente della cooperativa Synchronos, dott.ssa Simona Spinella.

Catalogo MAGONZA edizioni –  ISBN 978-88-31280-03-7

Si ringrazia: Fondazione Falcone – Fondazione Don Lorenzo Milani – Centro Alfredo Rampi Onlus – EGO-VIRGO European Gravitational Observatory – Centro Studi Carlo Invernizzi Milano

Scroll Up